Accarezzami

Accarezzami
binobino banner gif                                                                 I miei pensieri le mie parole 2

accarezzami
Anche con assenza di parole, una carezza può lenire le pene

 

°°°°°

Promiscue convinzioni vagano in silenzi esiziali
cercano vie di uscita da conflitti esistenziali
permangono nello sballo, pensieri assuefatti,
nella palude del niente si infangano nei misfatti

Nel nonnulla si scombina la mente
si avviluppa nel groviglio di sensazione dolente
senza nerbo e senza forza, si accascia,
plagiata dall’indolenza, voglia di riscatto si tralascia

Senza cura, animo depresso di male s’appiena
cerca gesto che lenisca senza parola, emorragica pena,
Non sono bastevoli forze a sollevare macigno.
Troppo pesante è fardello che lascia il destino arcigno

Sensi inaciditi rendono pensiero affranto
cercano un gesto che ricomponga puzzle di attimo infranto
Carezze cercasi come benefico unguento

panacea guaritrice di infame struggimento

°°°°°

Accarezzami ...
Bastevoli saranno sguardi non commiseranti
come fari di luce, illumineranno bui disperanti
Specchio d’occhi riflettente sermoni gaudenti
sodomizzeranno paure di mostri erodenti

Poggia le tue mani aperte sulla mia spalla
gratifica con gesto cuore con palpito che sballa
Linfa itterica, che inacidita scorre nelle vene,
si scioglierà, con carezza, friando grumoli di pene

Accarezzami …
Con frasi di soli accenni colme d’intensità
usa parole soffuse senza prolissità,
Sussurri fiatati come soffi di vento
giungeranno a lenire ogni aspro tormento

Colora d’azzurro bigi cieli tempestosi
disegna, con nuova luce, arcobaleni maestosi
Placa tempesta che in mente malessere riversa
zittisci fragore che come tuono imperversa

Usa gesti semplici senza parola ingerente
con muto riguardo, allevia anima sofferente
Non lesinare il tuo gesto amorevole,
bastevole è un tocco, anche se sfuggevole

Accarezzami ...
Avvicina la tua mano aperta al mio viso,
toccami, con gesto benevolo ed un sorriso,
Solletica epidermite creando emozione,
dona un brivido che geli vulcano in eruzione

Porgi la tua mano con gesto d’affetto,
calma battiti del cuore che scuotono petto,
Sciogli grumi di pene, di malessere forieri,
donami una carezza, rallegrando i miei pensieri

Quando come un tarlo il malessere si insinua e rode
una carezza può valere più di mille parole probe

°°°°°

Accarezzami = musica di sottofondo
Yakuro = Requiem for a Space

 

ciao... 
Grazie per la tua visita…
Se vuoi continuare la lettura
clicca Qui per andare alla home page

o clicca sulle immagini qui sotto

Protected by Copyscape Duplicate Content Protection Tool
Licenza Creative Commons

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *